Yahoo Answers chiude per ‘troppa stupidità’

Yahoo Answers chiude per ‘troppa stupidità’. Dal prossimo 20 Aprile, Yahoo Answers chiuderà ufficialmente dopo 16 anni di attività: l’annuncio è stato dato via mail a tutti gli utenti e il motivo sembra essere la stupidità delle domande e l’inutilità delle risposte.

Alle volte le intuizioni che nascono dalla rete sembrano rivoluzionarie (abbiamo parlato qui del fenomeno NFT), altre volte il tempo le mostra per quello che sono: fallimenti.

Yahoo Answers, un passo storico di Internet

Era il  28 giugno 2005 quando la piattaforma Yahoo lanciava un nuovo modo di relazionarsi alla rete.

Oggi quei ‘primi’ passi sembrano preistoria: Yahoo creava un forum aperto a tutti dove porre ogni domanda e dare risposte.

Yahoo Answers per 16 anni è stato un metodo indipendente creato dagli utenti per dare risposte circostanziate a dubbi importanti…..

O forse no? 

Yahoo Answers: un contenitore di ‘troppa stupidità’

…e invece no!

Dopo un inizio molto promettente, e Wikipedia appena nata, Yahoo Answers col tempo è diventato un contenitore di inutilità e risposte stupide.

A domande senza alcun senso venivano date risposte alla stessa altezza.

Ma quello che ha fatto decidere la società Yahoo per la chiusura definitiva del servizio è il misto di stupidità e cattivo gusto gratuito ad uso soprattutto dei più giovani.

Domande stupide e risposte volgari

Gli utenti della piattaforma erano ormai soprattutto ‘teen’ (adolescenti).

Per raccogliere like e visibilità su altre piattaforme si facevano portatori dei quesiti più stupidi (“Come faccio ad accendere la mia auto con le flatulenze?“, oppure “Cos’è quella canzone techno che suona “dun dun dun dun / dun dun dun dun err / dun dun dun dun dun dun dun dun / dundundundundundundundundundundun?“).

Le risposte erano invece sempre più alla ricerca della volgarità e della parola insultante.

Infine Yahoo Answers è diventato anche un raccoglitore di tutti i complottismi mondiali, con utenti che passavano ore a dare risposte di pura dietrologia.

La decisione di Yahoo

La società ha annunciato che a partire dal 20 aprile gli utenti non saranno in grado di pubblicare nuove domande o rispondere alle domande di altre persone.

Il 4 maggio il sito diventerà inaccessibile e reindirizzerà alla home page di Yahoo. 

Le domande non sono mai stupide?

Si dice spesso che non c’è domanda stupida.

Qualche volta però chiediamoci cosa sia una domanda: domandare vuol dire aprire sé stessi all’altro, al mondo, a ciò che non conosciamo.

Quando la domanda serve solo per farci belli davanti agli altri, per attirare l’attenzione, per sfogarsi davanti a una tastiera, o per vendicarsi, allora sì, può essere stupida, perché non è più una domanda.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Fairphone, l’azienda che produce smartphone equo sostenibili e solidali

Fairphone, con sede ad Amsterdam, ha la missione di contribuire alla creazione di un’industria di telefonia più equosolidale possibile, dando la priorità alle persone e all’ambiente, partendo dall’ approvvigionamento responsabile delle materie materie prime e al benessere dei propri lavoratori. 
Leggi
Leggi

La democrazia e la diffusione della patata

Con il diritto di voto e di candidatura alle elezioni, la democrazia riconosce ad ogni persona la sua appartenenza alla comunità sociale con la stessa dignità di tutte le altre persone. E’ anche una forma di accoglienza per il fatto che, con il diritto di partecipare alle decisioni, riconosce ogni individuo come membro della società.
Leggi
Leggi

Raffaele Micelli: Fb Ads Academy per imparare a far business su Facebook

È stato interessante quando ho conosciuto Raffaele Micelli, comprendere che la sua esperienza è nata in anni di studio in Italia e all’Estero, sui sistemi comunicativi delle piattaforme Social accettando l’evidenza, molto chiara all’estero, che l’unica strategia valida è  insegnare e dare consigli online, perché così facendo si può crescere e far crescere le piccole realtà aziendali.
Leggi