Vestiti per persone non vedenti: la rivoluzione di Camila

Vestiti per persone non vedenti: la rivoluzione di Camila. Camila Chiriboga ha creato una linea di abiti per persone non vedenti che uniscono moda a tecnologie avanzate.

Sul nostro Blog abbiamo già trattato prodotti per persone non vedenti, come i giochi per bambini non vedenti e ipovedenti, e anche oggi scopriamo prodotti che sono pensati per non lasciare indietro nessuno.  

Chi è Camila Chiriboga

Camila Chiriboga è una giovanissima designer che vive e lavora a New York.

Dopo i primi inizi nel mondo della moda, partecipa a un concorso che si intitola “Disrupt Aging Design Challenge”: creare prodotti di design per includere anche i consumatori più anziani.

Il concorso invitava anche gli iscritti ad «abbracciare un concetto di disegno che decostruisca opinioni datate circa cosa significhi invecchiare e vivere bene nella società».

Camila sceglie di partecipare sperimentando capi d’abbigliamento pensati per le persone non vedenti o ipovedenti. 

La nascita dei vestiti per non vedenti di Camila  

La creazione inizia collaborando con tre clienti non vedenti, Gus, Sammi e Richard.

Dai tre clienti ha imparato che la prima necessità della persona non vedente è riuscire attraverso il tatto a capire quale abito si ha davanti.

A questo segue l’indipendenza, altro grande traguardo al quale mira ciascuno di noi: ancora di più, nelle difficoltà di ogni giorno, è importante poter essere autonomi anche in assenza della vista.

Deve essere facile trovare e scegliere gli abiti da mettere da soli.

Vestiti per persone non vedenti: la rivoluzione di Camila

Ecco che la linea di Camila Chiriboga è pronta: unisce stile a tecnologia.

  • Tutti gli abiti sono facilmente identificabili al tatto, con grammature e tessiture particolarmente riconoscibili l’una dall’altra.
  • Sono double face, e cioè comunque li si metta indosso non sono mai al rovescio.
  • Hanno codici a barre che vengono letti dal cellulare per fornire indicazioni audio al proprietario: modello, colore, taglia, etc.

La rivoluzione di Camila 

“La mia passione è all’incrocio tra moda, salute e tecnologia. Progetto per fornire gli strumenti alle persone per godersi semplicemente il proprio corpo e la propria vita.”

“Credo che l’abbigliamento dovrebbe essere fatto perché tutti possano godersi il lusso di avere un bell’aspetto e sentirsi a proprio agio e sicuri di sé.”

“Fornire un modo più semplice per le persone non vedenti e ipovedenti di capire cosa indossano consentirà loro di divertirsi nella scelta dei vestiti e di sentirsi sicuri del loro aspetto.” 

Non solo problemi legati alla vista…

E questo non è tutto. Camila sta lanciando anche collezioni di abiti utili a chi fosse bloccato su una sedia a rotelle, oppure anche per le persone con problemi neurologici.

Per noi di NonSoloWork è un piacere parlare di chi veramente sta pensando a un futuro di tutti.

Trovate le creazioni di Camila a questo LINK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Fairphone, l’azienda che produce smartphone equo sostenibili e solidali

Fairphone, con sede ad Amsterdam, ha la missione di contribuire alla creazione di un’industria di telefonia più equosolidale possibile, dando la priorità alle persone e all’ambiente, partendo dall’ approvvigionamento responsabile delle materie materie prime e al benessere dei propri lavoratori. 
Leggi
Leggi

La democrazia e la diffusione della patata

Con il diritto di voto e di candidatura alle elezioni, la democrazia riconosce ad ogni persona la sua appartenenza alla comunità sociale con la stessa dignità di tutte le altre persone. E’ anche una forma di accoglienza per il fatto che, con il diritto di partecipare alle decisioni, riconosce ogni individuo come membro della società.
Leggi