La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi

La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi. Per la prima volta si è portato un intervento normale per i gatti domestici su una tigre, solo con molto più anestetico!

L’avanzamento delle scienze avviene attraverso tentativi e intuizioni.

Alle volte anche grazie a del coraggio… e ci vuole coraggio per operare una tigre.

L’intervento avvenuto allo Shepreth Wildlife Park all’occhio di una tigre è un intervento quasi di routine, se il paziente fosse stato un gatto.

Prima d’ora mai si era registrato un intervento di questa specie fatto su un grande felino, è stato sia un esperimento andato a buon fine che un vero avanzamento delle conoscenze veterinarie.

Quando parliamo di Good News questa non può mancare.

Ratna, la prima tigre operata agli occhi

La paziente si chiama Ratna, una tigre di Sumatra di 17 anni di 93 Kg, e ‘soggiorna’ allo Shepreth Wildlife Park vicino a Cambridge (unica nota stonata della vicenda: noi di NonSoloWork non possiamo certo dirci fan dei parchi faunistici cittadini…).

La tigre, un esemplare in piena salute ma di età avanzata, aveva già subito nel 2019 una operazione per asportare una cataratta dall’occhio sinistro.

Che fosse a seguito dell’intervento o indipendente, durante una sessione di controllo il veterinario ha diagnosticato un’ulcera corneale allo stesso occhio.

La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi

Ulcera corneale, molto diffusa sui gatti

L’ulcera corneale che viene notata sta compromettendo la funzione e la salute dell’intero occhio sinistro della tigre. Se lasciata avanzare porterà alla perdita dell’occhio.

Secondo una delle specialiste accorse per il caso, la dottoressa Williams, “forse (Ratna) si è punta l’occhio su un pezzo di bambù nel suo recinto“.

La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi

Gli effetti immediatamente visibili di questa patologia sono un decolorazione dell’occhio e una perdita di mobilità e funzioni.

L’ulcera è molto diffusa tra i gatti domestici, e solitamente facilmente curabile.

E’ però la prima volta che la si è voluta affrontare chirurgicamente su un grande felino.

L’operazione a Ratna

I tentativi iniziano a Febbraio, con un primo intervento per arrestare la decolorazione dell’occhio, operazione che non dà i risultati sperati.

Il deterioramento continua.

Intervengono allora il chirurgo David Williams, del Queen’s Veterinary School Hospital presso l’Università di Cambridge, e Steve Philp, veterinario dell’International Zoo Veterinary Group.

La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi

L’intervento è un azzardo, mai provato su una tigre, e la prima differenza è la quantità necessaria di anestetico (quantità che viene calcolata per l’operazione specifica, ma che non trova riscontro nella letteratura veterinaria!). 

L’intervento avviene presso lo stesso parco faunistico.

La procedura ha previsto l’innesto di un cappuccio sull’occhio

La storia di Ratna, la prima tigre operata agli occhi

un lembo di congiuntiva bulbare – il rosa dell’occhio – fissato sulla cornea, che consente alla cornea di guarire indipendentemente“, ha detto il dottor Williams.

È come potremmo fare con qualsiasi gatto domestico, ma con molto più anestetico“, ha detto dopo l’operazione durata 30 minuti.

Ma non credo che nessuno l’abbia mai fatto prima in questa specie.

Leggi anche la storia della Signora degli Elefanti: l’esempio che il mondo dovrebbe seguire

Come sta oggi Ratna

L’intervento è andato bene, l’esperimento un successo.

Per due mesi la tigre è stata monitorata giornalmente e seguita da una cura di colliri che, finalmente, è finita.

La sua coordinazione sembra molto migliore, e la cosa migliore è che l’operazione ha sradicato la necessità per Ratna di avere i suoi colliri – e non è mai stata molto entusiasta di quelli“.

Leggi anche le specie più particolari di animali scoperte nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Fairphone, l’azienda che produce smartphone equo sostenibili e solidali

Fairphone, con sede ad Amsterdam, ha la missione di contribuire alla creazione di un’industria di telefonia più equosolidale possibile, dando la priorità alle persone e all’ambiente, partendo dall’ approvvigionamento responsabile delle materie materie prime e al benessere dei propri lavoratori. 
Leggi