Simonetta Fontani: l’artista delle donne

Incontrare Simonetta è stato spettacolare, dal colore dei suoi capelli, grigi e blue, alle sue opere, “due intensità a confronto”… Sto scherzando,ovviamente, mi trovo con Simonetta di fronte ad un’artista completa che ha trascorso la sua vita dipingendo dall’età di 5 anni e che, ad oggi, vanta opere vendute in tutto il mondo. (www.simonettafontani.it )

Dopo una sana resistenza riesco a “strapparle” nel vero senso della parola un’intervista breve, ma sentita.

Dalle tue immagini, quasi sempre dedicate a soggetti femminili che cosa senti di voler comunicare?

Quanta sofferenza vi è nel mondo, senza il rispetto della natura e delle persone. Quanto ci vuole poco per poter armonizzare la Terra ma come invece sia sempre così difficile vedere un processo di Bene Disinteressato. Questa auto-distruzione mi colpisce, come mi colpisce anche la donna e il suo mondo introspettivo e riflessivo.

Sono artista nel cuore e questa è la mia vita. Ogni opera racconta un pezzo del mio vissuto, inteso come tutto ciò che circonda l’Uomo. La mia visione è circolare, coinvolge tutto quello che riguarda la Vita.

Quando ho visto le tue opere mi hai detto una frase:” Le mie opere sono “toste” che cosa intendi?

In Toscana, questo è un’espressione che significa che sono opere “dure”, non c’è una donna che sorride, i colori sono cupi e le donne sono tutte in pose raccolte, quasi chiuse.

Perchè secondo me, la donna è una figura che nel suo quotidiano non hanno avuto vita semplice, con problemi che interiormente ti castrano. E sono gocce di dolore che negli anni si accumulano e poi traboccano.

Preciso che le figure femminili nelle mie opere sono tutte viventi e sono donne, non perfette fisicamente ma vere con il loro mondo interiore e di vita.

Ho visto nella tua collezione di opere anche due lunette commissionate per il cimitero della Misericordia di Campi Bisenzio (Fi) , mi racconti come sono state create?

Le mie creazioni sono senza bozzetti, nascono dalla mia mente e poi realizzate. Non ha la necessità di prospettive, posso dipingere anche vicinissima all’ opera, eppure avere un effetto di profondità.

La creazione avviene con un meccanismo di spontaneità che è dentro di me.

Per queste opere ho studiato, le persone da inserire, seguendo il tema richiesto Le Sette operatività della Misericordia.

La prima opera  aveva il titolo: ”consigliare i dubbiosi” mentre la seconda  era titolata .”Insegnare agli ignoranti” opere  in assecco sul muro non intonacato. Due opere di mt.270×150 nelle quali ho investito circa 6 mesi di lavoro.

 

 

 

 

Il resto della nostra intervista è stato visivo, i racconti sono scivolati con grande interesse a tutte le sue opere che mi faceva vedere sul IPad , un viaggio con lei in un atmosfera moderna ma che aveva delle caratteristiche rinascimentali.

Condivido con voi alcune delle sue opere e per chi volesse contattarLa  chiamateci, vi organizzeremo un appuntamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Riflessioni di PaoS: un’artista da conoscere Abe Toshiyuki

Uno specchio dell’anima per l’osservatore. Molti punti di vista diversi emergono quando persone diverse guardano lo stesso dipinto. Anche quando la stessa persona guarda il medesimo dipinto, il suo punto di vista può cambiare a seconda del suo stato d’animo. Questo cambiamento è ciò che intendo per arte come specchio dell’anima per l’osservatore.”
Leggi