Sono ufficialmente ripartiti gli ecobonus per le auto elettriche: ammontare e scadenze. Dopo il blocco in Agosto per esaurimento dei fondi si pensava non sarebbero più tornati per almeno tutto il 2021.

Il blocco dei fondi: cosa era successo durante Agosto

Il 22 Agosto il Ministero dello Sviluppo economico, attraverso il sito istituzionale, in merito agli incentivi all’acquisto di veicoli dichiarava l’esaurimento dei 116 milioni di “ecobonus” disponibili nel 2021 per l’acquisto di vetture nuove con emissioni di CO2 comprese tra zero e 60 g/km (elettriche e ibride con batterie ricaricabili a spina, che uniscono trazione del motore a combustione a elettricità).

L’esaurimento e il seguente blocco dell’ecobonus, che si ufficializzava il 25 Agosto, non era chiaro se avrebbe portato con sè anche gli ulteriori 57,5 milioni stanziati per l’“extrabonus”. Tale stanziamento consiste in un contributo supplementare da 1.000 euro a 2.000 in caso di rottamazione e, seppur previsto dall’ultima legge di Bilancio approvata, rimaneva comunque formalmente un’appendice dell’ecobonus. Alla data del 25 Agosto, a prescindere, il Mise aveva bloccato anche la piattaforma di prenotazione dell’extrabonus, e in dichiarazioni informali lasciava trapelare che avrebbe seguito una interpretazione restrittiva delle direttive, segno che aveva lasciato sperare molto male a tutti.

La notizia del 2 Settembre. Ripartiti gli ecobonus per le auto elettriche: ammontare e scadenze

E’ invece del 2 Settembre la notizia di un dietrofront.

Il Ministero ha infatti dichiarato che il blocco statuito il 25 Agosto dovrebbe durare ancora pochi giorni. La prova starebbe nell’inserimento nel “decreto infrastrutture” (fino a fine Agosto chiamato “decreto trasporti”) di un paragrafo che devia all’interno del fondo ecobonus i 57 milioni di euro che prima rimanevano inutilizzati nell’extrabonus.

Al fine di garantire e ottimizzare l’utilizzo delle risorse destinate all’acquisto di veicoli meno inquinanti”, si legge in bozza “le risorse disponibili alla data di entrata in vigore del presente decreto sono destinate all’erogazione dei contributi, per i medesimi veicoli, previsti dalla norma

In altre parole, l’extrabonus cessa temporaneamente di esistere e passa i suoi fondi all’ecobonus.

ripartiti gli ecobonus per le auto elettriche: ammontare e scadenze

Quali bonus sono disponibili

La nuova normativa contempla bonus compresi tra 1.500 e 6 mila euro. E’ comunque un sollievo per tutti i fruitori di macchine elettriche e ibride, anche se, rispetto a inizio 2021, riduce i singoli contributi fino a 4 mila euro.

Verranno erogati:

  • per l’acquisto di auto nuove 21-60 g/km CO2, senza rottamazione: 1.500 euro;
  • per l’acquisto di auto nuove 21-60 g/km CO2, con rottamazione: 2.500 euro;
  • per l’acquisto di auto nuove 0-20 g/km CO2, senza rottamazione: 4.000 euro;
  • per l’acquisto di auto nuove 0-20 g/km CO2, con rottamazione: 6.000 euro.

Rimangono invariati i contributi per l’acquisto di auto con emissioni superiori a 60g/km:

  • per l’acquisto di auto nuove con emissioni di anidride carbonica tra 61 e 135 g/km, con rottamazione: 1.500 euro dello Stato + 2.000 euro (+iva) del dealer.

I fondi per questa seconda categoria ammontano a 127 milioni di euro dai 200 iniziali (24 Luglio). Seguendo la media della richiesta, è prevedibile che finiscano entro Ottobre.

Entro quando approfittarne: data immatricolazione e data prenotazione

Nel nuovo provvedimento è anche prevista una nuova data per l’immatricolazione: fino al 30 giugno 2022. E’ infatti decaduta la precedente norma del doppio vincolo per l’immatricolazione dei veicoli, che prevedeva il limite di 180 giorni dalla prenotazione del contributo e quello del 31 dicembre 2021. La data finale, comunque, per poter prenotare il contributo sarà il 31 dicembre 2021 da parte delle concessionarie. A prescindere, le prenotazioni effettuate tra l’1 luglio e il 31 dicembre 2021 potranno essere perfezionate entro il 30 giugno 2022.

Sono ufficialmente ripartiti gli ecobonus per le auto elettriche: ammontare e scadenze. Dopo il blocco in Agosto per esaurimento dei fondi si pensava non sarebbero più tornati per almeno tutto il 2021.

Leggi anche: “Chi crea i rumori delle auto elettriche? Un mestiere lasciato anche a grandi star della musica