Pollo alla Marengo: la ricetta creata per Napoleone Bonaparte. Il Pollo Marengo è stato il piatto preferito di Napoleone, e non per caso prende proprio il suo nome dalla Battaglia di Marengo, del 1800, che il futuro Imperatore d’Europa quasi perse. Oggi ve la proponiamo, come sempre scegliendola anche per la sua facilità, i suoi tempi di preparazione ridotti ma, ciò nonostante, la sua bontà.

Napoleone e la battaglia di Marengo

Napoleone per l’Europa fu qualcosa di più che un condottiero o un conquistatore: fu l’incarnazione degli ideali della Rivoluzione per i francesi, fu un nuovo anticristo per le gerarchie cattoliche, fu al contempo il distruttore e il vero rifondatore dell’ancien regime. Per ognuno dei suoi sudditi fu certamente qualcosa di nuovo, che non si era mai visto prima in Europa, ma che diventò qualcosa di già visto appena accolse il potere assoluto.

Pollo alla Marengo: la ricetta creata per Napoleone Bonaparte

A Marengo Napoleone non è ancora incoronato: lo scontro avviene durante la seconda campagna d’Italia, tra le truppe francesi dell’Armata di riserva, guidate dal Primo console Napoleone Bonaparte, e l’esercito austriaco, comandato dal generale Michael von Melas.

Come nasce la ricetta del pollo alla Marengo creata per Napoleone Bonaparte

Bonaparte non regge le tattiche, fino ad arrivare alla perdita del controllo del campo: a Desaix, suo generale, avrebbe detto chiaramente di fare quello che gli pareva. Desaix guida una truppa, vince ma viene ucciso in battaglia. Mentre lo scontro ha luogo Napoleone cena, usando ingredienti che l’assistente alla tenda trova quasi casualmente e che lo chef personale Dunand cucina e unisce.

Pollo alla Marengo: la ricetta creata per Napoleone Bonaparte

E’ così che nasce un piatto di pollo saltato con cipolle in olio d’oliva (non c’era burro), vino bianco secco, olive nere, pomodori, funghi e Madeira. Napoleone chiederà lo stesso piatto alla fine di ogni battaglia.

Pollo alla Marengo: la ricetta creata per Napoleone Bonaparte

Ingredienti

  • 1 pollo
  • 4 funghi porcini
  • aglio (1 spicchio)
  • 1 limone
  • prezzemolo
  • 4 uova
  • 4 scampi
  • pane
  • vino bianco (500ml)
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe nero
  • pomodori pelati (500 g)

Preparazione del pollo di  base 

  1. Aprire e dividere in pezzi il pollo (qualora non si siano già comprate le parti separate)
  2. Passare nella farina i pezzi di pollo
  3. Tagliare aglio e tritare il prezzemolo
  4.  Lavare e tagliare finemente i funghi
  5. Raccogliere la polpa dei pelati in una ciotola
  6. In una padella scaldare l’olio insieme all’aglio. Quando l’aglio è pronto aggiungere il pollo e lasciarlo rosolare
  7. Aggiungere sale e pepe a piacere, versare 100 ml di vino bianco
  8. Quando il vino è evaporato, aggiungere la polpa dei pelati e lasciare cuocere per 20 minuti
  9. Passati i 20 minuti, aggiungiamo i funghi tagliati e lasciamo altri 20 minuti sul fuoco

Preparazione del condimento e del contorno

  1. In una casseruola versare 400 ml di vino bianco, aggiungere sale e quando bolle versare gli scampi puliti. Lasciare almeno 5 minuti
  2. Scolare gli scampi e unirli alla padella centrale del pollo
  3. Aggiungere succo di limone poco prima di spegnere il fuoco e in finale il prezzemolo
  4. In una terza padella versare 3 cucchiai d’olio, dove far friggere fette di pane
  5. Cambiare l’olio e friggere le uova salandole leggermente
  6. Impiattare il pollo affiancando le fette e le uova

Bon Appétit

LEGGI ANCHE: “La Carabaccia, il piatto preferito di Leonardo Da Vinci”