Leggendo il libro Svenja verso le luci del Nord di Adele Aumms ho trovato questa

poesia- insegnamento a pag. 54 del Maestro Swami Veda Bharati dal titolo DIVIENI IMMOBILE.

Il Maestro nacque in India nel 1933 e lascio questa vita terrena nel 2015. Di lui troviamo alcuni libri tradotti in italiano , di cui sottostante trovate le indicazioni per potervi documentare.

DIVIENI IMMOBILE 

In mezzo a tutti i pianti ed i sorrisi,lascia che la mente si prenda un momento 
e divieni immobile.
Questo non significa zittire ogni pensiero, emozione e parola.
Rintracciale semplicemente nel silenzio che precede ogni discorso e divieni immobile,
vi è un istante, un breve momento di quiete dal quale sorge un’onda e entro il quale essa si fonde.
Quando osservi l’onda, osserva anche la sua calma origine e la sua fine silenziosa e divieni immobile.
Ogni respiro che prendi inizia e finisce in un momento di pausa.
Calma quell’intervallo quando respiri, colmalo con silenzio della meditazione 
e divieni immobile.
Prima di esplodere di rabbia, prima di cadere alla passione,
trattieni la mente, fissala nella calma che è dentro di te.
Allora perfino in mezzo alla rabbia e alla passione 
troverai la stabilità che trasformerà la tua emozione in uno strumento ben governato.
In questo momento, immergiti dentro di te,
immergiti nella profondità e divieni immobile. 

Mi ha colpito l’espressione poetica di quando un attimo prima dell’esplosione egoica del momento di rabbia e/o passione si possa entrare, per l’uso della propria volontà, nella stabilità della calma.

Negli anni ho imparato che è un dono andarsi a vedere i propri dolori terapeuticamente, il dolore insegna  e personalmente  ho avuto un grande beneficio dallo psicodramma moreniano, che consiglio a chiunque voglia crescere. Solo dopo aver fatto la lettura degli eventi che ci  destabilizzano, si riesce un attimo prima di scattare psichicamente, a fermarsi.

Fermarsi dal parlare e agire impetuosamente per entrare nel diventare immobili.

Libri consigliati