Peak Outlook Project: una spedizione per pulire L’everest. La fondazione Bally Peak Outlook sta portando avanti una collaborazione con l’alpinista e attivista nepalese Dawa Steven Sherpa per poter ripulire la montagna più alta del mondo.

Bally Peak Outlook spedizione Himalaya-lofficielitalia
La fondazione Bally Peak Outlook è un marchio svizzero di abbigliamento e accessori di alta gamma. Nel 2019 ha iniziato un progetto molto importante e impattante sia a livello ambientale che, soprattutto, simbolico.

Le 2 fasi del progetto Peak Outlook: la spedizione per pulire l’Everest

Nel 2019 è iniziata l’attività di ripulitura dell’Everest, grazie a una squadra apposita guidata dall’alpinista Dawa Steven Sherpa e dal suo team di esperti scalatori. Durante la missione sono state rimosse fino a 2.2 tonnellate di rifiuti. Più della metà dei rifiuti viene dalla tragicamente nota “Zona della Morte”, anche chiamata “Valle Arcobaleno”: un’intero versante tristemente noto per aver accolto ormai centinaia di salme che, ancora con le tute da escursione colorate, punteggiano le nevi.
La missione ha raggiunto la vetta a 8.848 metri, è durata 47 giorni e ha pulito i campi base di Cho Oyu, Everest, Lhotse e Makalu. E’ stata un successo.
L’appuntamento per la seconda fase era previsto per il 2020, con una seconda spedizione di pulizia dell’Everest. E’ stata resa impraticabile dalle restrizioni pandemiche che hanno cancellato la stagione alpinistica.
Entrambi gli attori, Fondazione Bally Peak Outlook e Dawa Steven Sherpa, hanno però confermato per il 2021 l’impegno preso, e la seconda spedizione sta già facendo i preparativi. La missione è almeno eguagliare se non superare gli ottimi risultati del primo tempo.

Il documentario sul Peak Outlook Project ‘8x8000M’

Sulla prima fase è anche nato un documentario che sta facendo incetta di interesse e riconoscimenti: 4 episodi per ora.

Protagonista del primo episodio è l’Everest, raccontato dallo setsso Dawa. Nel secondo troviamo Jamling Tenzing Norgay, figlio di Tenzing Norgay, primo uomo in vetta all’Everest nel 1953 con Sir Edmund Hillary, che narra il Cho Oyu e gli effetti positivi del turismo sostenibile.

Terzo episodio per Yankila Sherpa, pionieristica imprenditrice di Olangchung Gola, un villaggio remoto del Nepal orientale. Quarto e per ora ultimo episodio con l’esperto scalatore Naga Dorjee Sherpa, uno dei più importanti Sirdar – o capo spedizioni – della comunità himalayana.

Nell’episodio sinottico di presentazione del documentario la Fase 1 della spedizione “8 X 8000M” della Fondazione Bally Peak Outlook viene percorsa e narrata dai protagonisti: 452 chilometri e un dislivello totale di 11.500 metri.

La fase 2 nel 2021 della spedizione ‘8x8000M’

La fase 2 della spedizione avrà luogo nel 2021. La squadra, sempre guidata da Dawa, pulirà i campi base di Kanchenjunga (8.586 m), Dhaulagiri (8.167 m), Manaslu (8.156 m) e Annapurna (8.091 m), oltre al campo Everest (8.848 m) per la terza volta.

LEGGI ANCHE : Attenti all’eco-sosteniblità fai-da-te, il “caso Coldplay”