Musica dalle ragnatele: uno stupendo esperimento sonoro

Musica dalle ragnatele: uno stupendo esperimento sonoro. Dopo aver ascoltato musica creata DAI TELAI INDUSTRIALI, è ora la volta delle ragnatele.

I ragni sono esperti architetti, capaci di costruire strutture complesse e agevoli. Le ragnatele, oltre a funzionare come trappola, possono essere paragonate a dei veri sonar, a dei campi di ascolto.

La tela del ragno, infatti, ha tra le sue principali funzioni quella di trasmettere le vibrazioni direttamente al corpo dell’aracnide. 

Qualsiasi cosa si posi, si muova o entri in contatto con i fili, produce una vibrazione di corda che rende il ragno consapevole della situazione presente.

Un radar di vibrazioni e suoni, che cambiano notevolmente a seconda della struttura e dimensione della rete.

Ma come sarebbero questi suoni se fossimo in grado di sentirli?

Un progetto di “data-sonification” ha provato a trasformare queste vibrazioni in suoni, componendo musica dalle ragnatele.

 

Il progetto ‘Spider Web Sonification’: musica dalle ragnatele, uno stupendo esperimento sonoro

Markys Buehler (qui trovate il suo CANALE YOUTUBE) è professore di ingegneria all’MIT a capo del progetto “Spider Web Sonification”.
 
Quando vedi la struttura di una ragnatela, ti ricorda un’arpa o un altro strumento a corde. La domanda che ci siamo posti è: ‘cosa succederebbe se creassimo un modello di questi fili come se fossero corde di uno strumento?” 

Lo studio è stato condotto scannerizzando e facendo un render 3D di diverse ragnatele.

La disposizione e struttura delle ragnatele sono state poi tradotte in dati audio, analizzando la tensione e lo spessore dei filamenti per abbinare un suono coerente e udibile.

“(…)senti qualcosa che all’inizio risulta dissonante per l’orecchio umano, ma appena passi un po’ di tempo in più dentro la ragnatela, diventa stranamente familiare.” (Buehler)
 
 
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Riflessioni di PaoS: un’artista da conoscere Abe Toshiyuki

Uno specchio dell’anima per l’osservatore. Molti punti di vista diversi emergono quando persone diverse guardano lo stesso dipinto. Anche quando la stessa persona guarda il medesimo dipinto, il suo punto di vista può cambiare a seconda del suo stato d’animo. Questo cambiamento è ciò che intendo per arte come specchio dell’anima per l’osservatore.”
Leggi
Leggi

Parlando di colore…esplorando il giallo

A volte mi passano momenti nei quali il mischiare il giallo con il verde e il rosso mi crea delle sfumature che passano dagli arancioni a dei verdi cangianti. Gli effetti sono spontanei, non amo programmare il colore che uscirà ma amo sperimentare e lasciare che sia il colore ad uscire. Incomincio questa serie di articoli settimanale sui colori partendo proprio dal colore giallo che dona energia ai nostri percorsi, rappresenta il nostro respiro all’aria aperta guardati dal sole, il nostro essere in connubio con la natura-sole.
Leggi