MONKY E THE GARBAGE ISLAND: Renzo Nucara ci fa crescere la coda!

Quello che oggi noi presentiamo è invece l’ultima delle sue creazioni che, inaspettatamente, come sempre da parte sua, è un libro: “Monky & the Garbage Island”, dalla copertina stupenda che parla direttamente a tutti noi, basta che abbiamo già superato i 3 anni (ma non escluderei che sia interessante anche prima).
Renzo Nucara è un artista importante, conosciuto in tutto il mondo e che ha partecipato ad azioni memorabili. Chiunque volesse sapere chi è o cosa ha fatto non avrà problemi nell’era di Internet a trovare tutte le informazioni.
Quello che oggi noi presentiamo è invece l’ultima delle sue creazioni che, inaspettatamente, come sempre da parte sua, è un libro: “Monky & the Garbage Island”, dalla copertina stupenda che parla direttamente a tutti noi, basta che abbiamo già superato i 3 anni (ma non escluderei che sia interessante anche prima).
 
Per chi a prima vista volesse riconoscerlo in libreria, vada a cercare tra i libri da colorare, oppure si informi sulla collana Monky-S.O.S. World, oppure ancora, se proprio si fosse scordato il nome, cerchi in internet le parole chiavi “ambiente” e “isola di plastica”.
Per presentare questo libro e per far capire a chi non ha familiarità con gli artisti contemporanei cosa potrebbe trovarsi tra le mani, ci vuole una premessa: vi siete mai chiesti dove finisce l’arte?Non nel senso “dove va a finire? se in cantina in mezzo agli altri quadri della nonna oppure in eredità al nipote antipatico”.
Quello che forse non vi siete mai chiesti è quali siano i limiti dell’arte, fino a quanto e a che punto entra nelle nostre vite.
Molti di voi, di sicuro, pensano che il limite siano i libri del liceo oppure i musei pubblici. Chi ha più esperienza di vita mondana, magari, sta pensando alle gallerie d’arte o ai salotti dei collezionisti. E magari, mentre pensate questo, state immaginando anche che siano questi i luoghi dove tutti gli artisti contemporanei, in fondo, vogliono finire.
Molte volte è così!
Ci sono però alcuni artisti che hanno ambizioni più alte, come Renzo Nucara.
L’ambizione che li guida è far sì che la loro arte influenzi il mondo, influenzi la realtà che li circonda e addirittura inneschi un meccanismo per migliorare le cose (perché si sa, l’artista è prima di tutto un sognatore, ma sa anche molto bene che la bellezza non può peggiorare il mondo, anzi).
Questa è la premessa che chiunque prenda in mano il libro di Renzo Nucara deve avere ben presente.
Renzo, quando crea qualcosa, sta già pensando a come la sua azione o il suo oggetto influenzeranno il mondo circostante, a come far scattare in chi sta guardando la sua arte, leggendo le sue parole o colorando le sue figure, quell’impeto e quella scintilla che lo porti a sua volta a creare qualcosa di bello e buono.
Posso pensare, ma qui parlo senza averne mai discusso con l’autore, che ogni volta che seguiamo quella scimmietta, in qualche modo, anche a noi cresce la coda.
L’avventura di oggi, che scopriremo consumando il suo libro a forza di usarlo, sarà legata all’inquinamento, al modo migliore per rendersi conto di come l’oceano soffra per i nostri capricci, il tutto sviluppando la nostra coscienza attraverso l’uso delle mani.
Ora scopriremo di essere noi il limite dell’arte di Renzo Nucara.
Paola & Guido
 
 
 
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Riflessioni di PaoS: un’artista da conoscere Abe Toshiyuki

Uno specchio dell’anima per l’osservatore. Molti punti di vista diversi emergono quando persone diverse guardano lo stesso dipinto. Anche quando la stessa persona guarda il medesimo dipinto, il suo punto di vista può cambiare a seconda del suo stato d’animo. Questo cambiamento è ciò che intendo per arte come specchio dell’anima per l’osservatore.”
Leggi