Kaitiaki: l’App contro il cyberbullismo per i genitori. Kaitiaki è un’app che monitora i social dei minori senza che la loro privacy sia invasa. Un’intelligenza artificiale avverte solo i genitori se vi sono pericoli di cyberbullismo o comportamenti pericolosi, tutelando i piccoli dai pericoli delle interazioni digitali.

Cyberbullismo, hate, stalking, pericoli del nostro tempo

E’ inutile fare finta di niente: i social possono essere luoghi pericolosi per i minori. Nelle piattaforme della rete ormai l’odio è uno dei modi di interazione, una delle strade ‘maestre’ per ottenere la tanto ambita attenzione. Questo lo fanno gli utenti più sconosciuti fino ai maggiori influencer, e ognuno dei due invoglia l’altro a continuare (per non parlare degli algoritmi che premiano il numero di follower a discapito della maniera in cui si è ottenuto).

Per chi è cresciuto con la rete questa può essere vista come una strategia di comunicazione, ma per chi si affaccia da piccolo a un mondo già così strutturato le cose sono ben diverse.

Cyberbullismo, hate-speech, cyberstalking, sono vere e proprie trappole per molti minori, luoghi oscuri dai quali i nostri figli e figlie potrebbero essere danneggiati, perseguitati, offesi e bullizzati. Essere piccoli vuole dire anche non saper riconoscere tra realtà e finzione, vuole dire sentire sulla propria pelle l’odio ingiustificato.

Kaitiaki: l'App contro il cyberbullismo per i genitori

Kaitiaki: l’App contro il cyberbullismo per i genitori

Kaitiaki è una parola Maori che significa “Guardiano“. Per i ragazzi è un un amico silenzioso e riservato, un amico fidato che li protegge dai pericoli online.

La startup nasce a Udine e vuole aiutare nei casi di cyberbullismo. Kaitiaki è una app che può essere installata e attivata dai genitori (ma è pensata anche per educatori e scuole). Viene collegata ai profili social dei figli, senza per questo aver accesso ai contenuti postati. La riservatezza dei figli è quindi salva, e questo punto, molto importante, aiuta molto a far accettare l’imposizione.

L’applicazione funziona riconoscendo in automatico comportamenti anomali o attacchi, analizzando le interazioni e riconoscendo i pericoli. Quando ciò accade, una notifica d’allarme viene inviata ai genitori o ai tutori, il tutto senza mai far accedere automaticamente ai contenuti visionati.

Come funziona Kaitiaki

Si basa su un sistema di intelligenza artificiale che analizza testi, immagini, post e video che vengono scambiati sul profilo social selezionato. L’applicazione individua nudità, parole chiave, frasi inappropriate, profili falsi o segnalati. L’intelligenza artificiale le permette anche di imparare con il tempo, essere aggiornata e comprendere comportamenti mai visti prima.

Kaitiaki: l'App contro il cyberbullismo per i genitori

Le possibilità di Kaitiaki per il futuro

Katiaki è una startup innovativa a vocazione sociale, scelta dall’Istituto della Banca Europea degli Investimenti per essere tra i finalisti del Social Innovation Tournament 2017 competizione che ha visto oltre 300 partecipanti da 31 Paesi europei e membro permanente di IESI, Progetto della Commissione Europea per l’innovazione sociale abilitata dalla ICT. 

Per essere ammessa in questi elenchi, molto importanti e prestigiosi, Kaitiaki ha dovuto presentarsi con una formula che sfidasse il nostro presente:

Per la particolare natura giuridica (SIAVS, Startup Innovativa a Vocazione Sociale), Kaitiaki si propone una ricaduta sociale nel medio-lungo periodo. Mediante l’applicazione è possibile rilevare dati che consentono di monitorare l’andamento delle singole tipologie di evento, fornendo ad istituzioni governative ed associazioni, dati rilevanti, geo-localizzati e segmentati per fasce di età, utili allo sviluppo di progetti a livello nazionale e locale. Infine, Kaitiaki, ha le potenzialità per identificare sul nascere nuovi fenomeni, non ancora rilevati in modo strutturato, che possono influire negativamente sulla salute e serenità di minori o soggetti deboli.

LEGGI ANCHE