I Softie di Child’s Own: proteggere i bambini e la loro fantasia!

Wendy Tsao ha fondato e dirige Child’s Own, che rende peluche (o “softie” come li chiama lei) i disegni dei bambini. Oggi parliamo di chi dà importanza e peso all’immaginazione libera e delicata.

I 3 passi per avere un Softie di Wendy Tsao della Child’s Own

  1. Avete un bambino, una bambina, anche figli di amici, ai quali piace disegnare? Cercate di scoprire il disegno che loro ritengono sia il più bello che hanno fatto.
  2. Caricate la foto del disegno QUI e rispondete alle domande.
  3.  Child’s Own si mette al lavoro, scova i tessuti più adatti, e ricrea perfettamente il disegno in forma di Softie.
  4. Aspettate di riceverlo a casa!

Quanto costa un Softie?

Un Softie di Child’s Own, in effetti, un po’ costa: è un pezzo unico, fatto appositamente da artigiani, e ci sono due misure: STANDARD, 125 $, e LARGE, 160$.

Però, per sapere perché conviene farlo, basta leggere il prossimo paragrafo.

Perché ci piace Child’s Own e ne parliamo?

Una prima risposta potrebbe essere che è un’impresa artigianale e con una vocazione pura: rispettare la fantasia dei bambini.

Poi per la loro collaborazione con enti di aiuto dell’infanzia, o perché semplicemente è una di quelle idee che ci sarebbe piaciuto avere.

In ultima analisi, scriviamo di questa impresa perché teniamo all’arte, al rispetto dell’espressione, anche quando non è tecnicamente appagante.

Crediamo che i disegni di un bambino vadano protetti, sviluppati, e non incarcerati nelle visioni degli adulti, cosa per la quale c’è già la vita.

Per chi volesse visitare il sito web, come sempre da parte nostra, ecco il link principale:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Riflessioni di PaoS: un’artista da conoscere Abe Toshiyuki

Uno specchio dell’anima per l’osservatore. Molti punti di vista diversi emergono quando persone diverse guardano lo stesso dipinto. Anche quando la stessa persona guarda il medesimo dipinto, il suo punto di vista può cambiare a seconda del suo stato d’animo. Questo cambiamento è ciò che intendo per arte come specchio dell’anima per l’osservatore.”
Leggi
Leggi

Parlando di colore…esplorando il giallo

A volte mi passano momenti nei quali il mischiare il giallo con il verde e il rosso mi crea delle sfumature che passano dagli arancioni a dei verdi cangianti. Gli effetti sono spontanei, non amo programmare il colore che uscirà ma amo sperimentare e lasciare che sia il colore ad uscire. Incomincio questa serie di articoli settimanale sui colori partendo proprio dal colore giallo che dona energia ai nostri percorsi, rappresenta il nostro respiro all’aria aperta guardati dal sole, il nostro essere in connubio con la natura-sole.
Leggi