Catania contro Padova: chi ha il murales più grande d’Italia?

Catania contro Padova: chi ha il murales più grande d'Italia?

Catania contro Padova: chi ha il murales più grande d’Italia? Chi sarà a vincere? Catania o Padova? Stiamo cercando il murales più grande d’Italia e ci sono due città che rivendicano il titolo, entrambe dal 2021. Scopriamo insieme le due giganteste opere di Street Art, parliamone e infine, se riusciamo, andiamo a vederle dal vivo!

Catania contro Padova: chi ha il murales più grande d’Italia?

Su quale sia ad oggi il murales più grande del mondo non c’è dubbio: è a Rio, si estende su 9750 metri quadrati e si chiama Las Etnias, dello street artist brasiliano Eduardo Kobra. Il murales ‘ecosostenibile’ più grande mai fatto invece si trova in Venezuela, ne abbiamo parlato in questo articolo e detiene il record con i suoi 45 metri di lunghezza, alto dai 3 ai 7 metri. In Italia invece c’è un disfida artistica tra Catania e Padova, entrambe case di due opere mastodontiche di Street Art. Partiamo dall’opera di Catania.

Il murales di Catania

A Catania lo dichiarano non solo il murales più grande d’Italia, ma del mondo intero. Anche se non fosse vero, ben venga fare la voce grossa se si parla di arte e attrattive importanti.

L’opera si trova nel porto della città, è stata realizzata dallo street artist portoghese Alexander Farto, in arte Vhils, sfruttando le pareti di 8 giganteschi silos granari in cemento. L’opera dialoga direttamente con il mare siciliano e proprio di rapporto con le vie dell’acqua parla.

Raffigura un uomo che guarda il Mediterraneo verso Oriente. L’autore ha voluto rappresentare un ponte ideale che unisce l’Italia alle coste di tutto il Mediterraneo, ogni Paese affacciato verso gli altri tendendo sguardo e speranze. Intorno all’opera principale c’è poi una corona di altri interventi Street di artisti dalla Spagna, Italiani e Ucrainini, tutti incentrati sulle leggende e i miti più affascinanti della Sicilia. Il murales ha una metratura di circa 2000 mq, con uno spazio di oltre 30 mt di altezza per 64 di lunghezza.

Il murales di Padova

La seconda città in lizza è Padova, che nel 2021 ha decorato l’impianto idrico comunale di Padova, gestito da AcegasApsAmga, con, ancora una volta, “il più grande murales italiano”.

L’opera è stata creata e realizzata da 7 appartenenti al collettivo di street artist francesi 'La Cremerie' in occasione della Super walls-Biennale di street art di Padova.

L’opera è stata creata e realizzata da 7 appartenenti al collettivo di street artist francesi ‘La Cremerie‘ in occasione della Super walls-Biennale di street art di Padova. In questo secondo caso il tema, pur offrendo molti spunti, rimane all’interno del gioco della Street Art. Si è voluta creare una vera opera di arredo urbano con un linguaggio contemporaneo. La superficie in metri quadri stavolta è quasi il doppio, 400 mq, e ha richiesto l’uso di oltre 200 bombolette per circa 600 litri di colore.

Insomma, su chi vinca non sembrerebbe esserci dubbio, la palma per ora va a Padova, anche se siamo aperti a smentite, ma la vera scoperta è riuscire a visitarli entrambi!

LEGGI ANCHE

Condividi:
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Articoli Correlati
Poor Things (Povere Creature) è pornografia?

Poor Things (Povere Creature) è pornografia?

In molti paesi la pellicola è parzialmente censurata e alcuni parlano di "pornografia" gratuita. Sarà proprio così?
Street Art Australia

StraTour: Esplorazione delle meraviglie urbane e della Street Art in Australia 2°parte

L'articolo esplora il vibrante mondo della street art in Australia, evidenziando come il fenomeno sia diventato un punto focale culturale in diverse
street Art Australia

StraTour: Esplorazione delle meraviglie urbane e della Street Art in Australia

Questo movimento artistico, estremamente dinamico e variegato, si intreccia con la vita quotidiana, offrendo un'esperienza unica di scoperta e ammirazione in un
Fin Dac

Fin DAC: il poeta Visivo delle Metropoli, unendo arte urbana e fascino orientale

Quest'artista urbano ha lasciato il segno nelle strade di tutto il mondo, portando una prospettiva fresca e innovativa nell'arte contemporanea. Il suo
Torna in alto