Ametista: pietra del terzo occhio contro gli incubi

Ametista: pietra del terzo occhio contro gli incubi. Terzo appuntamento con Veronica Barisan alla scoperta delle energie e simbologie delle pietre.

Questa serie di articoli sta appassionando molto il nostro pubblico, e le informazioni di Veronica sono seguite da diverse lettrici (che hanno già fatto un giro sui suoi shop! Consigliatissimo!).

Potete trovare le prime due puntate qui:

QUARZO ROSA

LABRADORITE

Passiamo subito a dare la parole a Veronica, che ci parla dell’AMETISTA

AMETISTA

Il viola intenso dell’Ametista simboleggia il cambiamento dell’intelletto da uno stato di veglia ad uno stato alterato di coscienza, 0vvero la capacità di accedere a livelli più elevati di conoscenza attraverso quello che Carl Jung definisce come inconscio collettivo.

aqmetista

Chiamata anche la pietra del terzo occhio, l’Ametista guida la consapevolezza lontano da schemi mentali egoistici, aiutando a comprenderli, elaborarli ed infine superarli.

Una pietra che stimola la saggezza interiore, conferendo maggior capacità critica, onestà e rettitudine. Promuove coerenza e sobrietà, favorendo la concentrazione e processi di pensiero efficienti, lasciando andare meccanismi controproducenti.

Il nome Ametista proviene dall’Antica Grecia e significa “che non può essere ubriacato”, proprio perché questa pietra favorisce la lucidità mentale.

L’Ametista facilita esperienze profonde, comunica direttamente con la propria anima ed ha un effetto calmante poiché aiuta a sciogliere l’ansia mentale.

Una pietra famosa per i notevoli benefici che apporta alle persone che soffrono di incubi ricorrenti, posizionata sopra la fronte prima di dormire e durante la notte sotto il cuscino aiuta a vivere i propri sogni in modo positivo. Facilita l’emersione nella coscienza di immagini oniriche vivide e chiare, favorendo l’ispirazione.

Collana Ametista

Per questo gioiello ho scelto la semplicità e mi sono lasciata guidare dalla bellezza di questa Ametista acquistata durante un mio viaggio in Brasile, precisamente a Salvador de Bahia, un vero e proprio paradiso delle pietre.

Una pietra con venature più chiare e più scure che mi ricordano un cielo di un viola così acceso che solo al tramonto in Brasile ho potuto ammirare.

In ogni pietra si può trovare un mondo da esplorare, si può volare con la mente lontano per sognare e scoprire una nuova visione di se stessi.

Contatti per Almamé di Veronica Barisan

Contattami su Instagram o su Facebook oppure scrivimi per conoscerci e realizzare insieme un gioiello personalizzato per te o per una persona speciale.

Instagram

almame_jewellery 

Facebook

Almamé di Veronica Barisan 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Riflessioni di PaoS: un’artista da conoscere Abe Toshiyuki

Uno specchio dell’anima per l’osservatore. Molti punti di vista diversi emergono quando persone diverse guardano lo stesso dipinto. Anche quando la stessa persona guarda il medesimo dipinto, il suo punto di vista può cambiare a seconda del suo stato d’animo. Questo cambiamento è ciò che intendo per arte come specchio dell’anima per l’osservatore.”
Leggi
Leggi

Parlando di colore…esplorando il giallo

A volte mi passano momenti nei quali il mischiare il giallo con il verde e il rosso mi crea delle sfumature che passano dagli arancioni a dei verdi cangianti. Gli effetti sono spontanei, non amo programmare il colore che uscirà ma amo sperimentare e lasciare che sia il colore ad uscire. Incomincio questa serie di articoli settimanale sui colori partendo proprio dal colore giallo che dona energia ai nostri percorsi, rappresenta il nostro respiro all’aria aperta guardati dal sole, il nostro essere in connubio con la natura-sole.
Leggi