Svenja, verso le luci del Nord di Adele Aumms

Adele Aumms, nata a Milano nel 1975. Si è laureata a pieni voti in filosofia con una tesi di Indologia presso l’Università degli Studi di Milano.
Ha tenuto un laboratorio presso l’Università sulla tematica del Tempo nella filosofia indiana. Si è diplomata all’ISFIY (Istituto Superiore Formazione Insegnanti Yoga) con una tesi sulla Gravidanza e conseguito un master di specializzazione “Yoga per Bambini e Ragazzi” presso ISYCO (Istituto per lo Studio dello Yoga e della cultura orientale) con il Patrocinio dell’Università di Torino, Dipartimento di Orientalistica (2009), attestato conseguito a seguito dello spettacolo “La Grande Storia dello Yoga”.

Insieme a Clemi Tedeschi, autrice del libro “Piccolo Yoga”, ha attivato un corso di formazione per l’insegnamento dello yoga a bambini e ragazzi a Cagliari, insegnando teatro-yoga.

E’insegnante di ruolo nella scuola primaria e ha partecipato-realizzato numerosi progetti legati o esterni alla scuola elementare di carattere sociale e creativo.
Negli ultimi sette anni ha vissuto in Germania, Weinheim e soprattutto Amburgo dove ha condotto numerosi workshops ( per la maggior parte all’Himalayan Institute) rivolti sia agli adulti sia ai bambini, alcuni di questi a scopo di solidarietà per i minori in zone di guerra.
La scrittura dello scritto “Svenja, verso le luci del Nord” ha messo a dura prova la sua possibilità visiva, relativamente grave, quotidianamente in peggioramento.

Questa storia possiede una vera e propria anima.

Sinossi : Svenja, verso le Luci del Nord

Il racconto prende anima da un trasferimento della protagonista all’estero.
Lei vive dei sogni particolari e intensi e questi sogni si intersecano nelle vicende quotidiane e nel senso della sua esistenza.
Il romanzo di Svenja è un pretesto per parlare della vita, delle difficoltà che questa pone e il superamento delle stesse.
Conosce due vicini di casa che saranno con lei nel suo viaggio verso la Svezia, soprattutto alla ricerca dell’aurora boreale. Prima di giungere a questa parte del romanzo, Svenja parla di se’, del suo rapporto con lo yoga, della sua vita di mamma, delle sue scelte particolari e forti e della perdita della madre.
Segna la sua storia con Alex, il marito, l’incontro con una veggente. In questi capitoli emergono concetti di filosofia, psicologia ed Indologia. Si parla dell’amicizia e dell’etica.
Ciò che porterà la protagonista al termine del romanzo è la spinta a ritrovare la parte più autentica di se stessi e L’Unità di Sè con l’intero cosmo.

Per acquistare il libro clicca qui oppure contattaci al supporto@nnsolowork.com

Condividi:
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Articoli Correlati
Antonio D'Este con il suo libro

PERSONAL BRANDNESS: una strategia rivoluzionaria

Antinio D'Este nel suo libro ci dimostra che, è la nostra autenticità a definire il successo e l'impatto del nostro brand personale.
Anna Piazza Scrittrice

Dietro le quinte del 1°libro ‘Ultima Guerriera di Eterna, dalla trilogia Cuori Intrecciati

"Cuori Intrecciati" di Anna è un romanzo che intreccia amore, destino e misteri ultraterreni, frutto di un viaggio spirituale e creativo, ispirato
malala

Io sono Malala: la storia di una giovane donna che ha sfidato i talebani per il diritto all’istruzione

Nel cuore dell’Asia Meridionale, dove le montagne incontrano il cielo e la tradizione si scontra con la modernità, una giovane ragazza si

Libri di Elena Ferrante

Elena Ferrante e “L’amica geniale”: l’amicizia femminile tra parole e immagini.

"L'amica geniale" e le opere successive di Elena Ferrante non sono solo romanzi; sono monumenti alla capacità della letteratura di catturare l'essenza
Torna in alto