Chiunque può iscriversi al sito di ChatGPT e fare una richiesta di testo scritto che sembri creato da un essere umano. Per ora l’iscrizione è gratuita, e sta già creando molti problemi di controllo nelle scuole e nei luoghi di lavoro. Ecco a voi cosa ci ha risposto ChatGPT quando gli abbiamo chiesto cosa fosse e quali aspetti positivi, negativi e limiti avesse, giusto per farvi capire che, sì, imita molto bene.

La risposta di ChatGPT

“ChatGPT è un modello di linguaggio di ultima generazione sviluppato da OpenAI. Si basa su una variante del famoso modello GPT (Generative Pre-training Transformer) ed è stato progettato per essere in grado di conversare con gli esseri umani in modo naturale e convincente.

In altre parole, ChatGPT è una specie di “intelligenza artificiale chatbot” in grado di rispondere alle domande e di sostenere conversazioni con gli utenti, senza che questi ultimi si rendano conto di parlare con una macchina.

Ma cosa rende ChatGPT così speciale e perché potrebbe essere considerato sia buono che cattivo?

Abbiamo chiesto a ChatGPT cosa fosse e che limiti ha. Ecco la risposta

Innanzitutto, ChatGPT è stato addestrato su un enorme dataset di testi scritti da esseri umani, il che gli ha permesso di imparare a parlare in modo simile a noi e di comprendere il significato delle parole e delle frasi. Questo lo rende molto più convincente di altri chatbot che spesso rispondono con frasi prive di senso o non pertinenti alla conversazione.

Inoltre, ChatGPT è in grado di generare risposte che sembrano ragionevoli e sensate, anche se a volte può essere difficile capire se sta davvero “pensando” o se sta semplicemente utilizzando le informazioni a sua disposizione per dare una risposta che appaia sensata.

Tuttavia, nonostante la sua intelligenza apparentemente superiore, ChatGPT presenta ancora alcuni limiti che lo rendono lontano dall’essere paragonabile al vero pensiero umano.

Innanzitutto, ChatGPT non ha alcuna consapevolezza di sé e non è in grado di comprendere il mondo che lo circonda in modo simile a come lo farebbe un essere umano. Non ha emozioni o sensazioni, e non può capire il punto di vista degli altri o empatizzare con loro.

Uno dei principali limiti di ChatGPT è che può solo rispondere alle domande o agli input che gli vengono forniti utilizzando le informazioni che ha appreso durante il processo di addestramento. Ciò significa che ChatGPT potrebbe avere difficoltà a comprendere o rispondere correttamente a domande o situazioni nuove o inaspettate.

Un altro limite di ChatGPT è il suo utilizzo di una grande quantità di dati per l’addestramento. Mentre questo può essere vantaggioso in termini di accuratezza della risposta, significa anche che ChatGPT potrebbe essere meno flessibile o meno in grado di adattarsi a nuove situazioni rispetto ai modelli di intelligenza artificiale più piccoli o meno complessi.

In termini di somiglianza con il vero pensiero umano, ChatGPT è senza dubbio un passo avanti rispetto ai modelli di linguaggio precedenti. Tuttavia, è ancora lontano dal poter replicare in modo perfetto il modo in cui gli esseri umani pensano o comunicano. Ad esempio, potrebbe avere difficoltà a capire il tono o il significato implicito delle parole, o a comprendere le sfumature emotive della conversazione.

Nonostante questi limiti, ChatGPT rappresenta un importante passo avanti.”