Eros e Psiche: attraversare i sensi per arrivare al cuore

Avendo esperito in prima persona ed osservando quanto sia diffusa la sofferenza della crisi delle coppie odierne, si è radicato in Elena e Marco un profondo desiderio di trovare l’equilibrio, rendendo fruibile a tutti questo processo, attraverso questo corso.

Eros (Amore) e Psiche sono i due protagonisti di una famosa storia narrata da Lucio Apuleio nel II secolo d.C. all’interno della sua opera Le Metamorfosi, anche se è tale narrazione è considerata risalire ad una tradizione orale antecedente all’autore.

Incuriositi noi del Nonsolowork dall’omonimia del nome per il corso, che si terrà a Bergamo presso l’associazione del Tempio di Dendera, abbiamo voluto approfondire con Elena Martinelli e Marco Silvestri, relatori ed ideatori quale è il legame tra la leggenda e il loro workshop.

Eros e psiche come nasce questo corso?

Il corso è il divenire naturale del frutto di un intenso percorso personale di entrambi, rivolto all’unione del femminile e maschile interiori. Avendo esperito in prima persona ed osservando quanto sia diffusa la sofferenza della crisi delle coppie odierne, si è radicato in noi un profondo desiderio di trovare l’equilibrio, rendendo fruibile a tutti questo processo.

Quale è il vostro obiettivo con le persone.

L’obiettivo è rendere partecipi le persone di una serie di modalità strutturate, che favoriscano l’unione del maschile e femminile interiori, portando ad un avvicinamento di questi nella realtà esterna concreta.

Abbiamo trovato nelle nostre radici culturali, la storia iniziatica di Eros e Psiche tramandata da Apuleo, nella quale vengono narrati i principali passaggi archetipali per attivare questa unione, e ne abbiamo fatto il nostro filo conduttore.

Nel corso questi passaggi vengono affrontati e sperimentati attraverso linguaggi e livelli diversi: l’aspetto dell’individuazione attraverso l’emersione alla coscienza delle proprie immagini interiori e l’aspetto dell’orientamento alla risoluzione attraverso il lavoro corporeo ed energetico. 

Raccontateci del vostro percorso.

Io (Marco) provengo da un lunghissimo ed intenso allenamento fisico e mentale, attraverso esperienze sportive come il tennis, la danza di coppia ed il volo a vela che mi ha portato a sviluppare ed affinare una serie di abilità operative, arrivando a comprendere che azioni apparentemente eccezionali sono composte da parti più piccole che tutti possono imparare.

In particolare nel volo in aliante, ho scoperto una perfetta sintesi tra mente corpo e spirito.

Si tratta per me di una fantastica attività meditativa, che  passa attraverso la contemplazione del mondo e il movimento. Queste due stesse cose diventano nel corso osservazione e contemplazione del mondo interiore e sperimentazione nel corpo e nel contatto.

Completano questa modalità esperienze acquisite durante percorsi tantrici, che mi vedono arrivare particolarmente ad apprezzare e sentire mio il percorso sonoro delle campane tibetane.

 Io invece (Elena) provengo da una lunga esperienza multidisciplinare di lavoro sul sé, da un percorso di psicoterapia personale ai lavori energetici più svariati e di differenti livelli, che mi hanno portato ad approfondire alcune specificità che sono poi diventate il mio lavoro effettivo. Ho affinato le capacità di individuazione formandomi nell’arteterapia, approfondendo poi le conoscenze corporee ed energetiche attraverso la formazione nel Tuina (massaggio tradizionale cinese), nel tocco tantra delle Nadi, e nel massaggio di liberazione energetico emozionale.

Ho avuto ed ho la possibilità di attivare una sinergia con strutture pubbliche, oltre che nel privato, che mi hanno portato una notevole esperienza in questi campi, che ritengo essere pronta per essere veicolata ad un più ampio raggio.

Quali sono i vostri progetto futuri

I nostri progetti futuri fanno parte di una visione che vuole raggiungere spazi inesplorati. L’intenzione è quella di raggiungere il maggior numero di persone possibili, poiché riteniamo che integrare il maschile con il femminile sia una chiave fondamentale per guarire questa nostra realtà.

L’insoddisfazione generale che si percepisce in questo particolare periodo storico, è in parte dovuto a visioni distorte dei rapporti di coppia, che di fatto sono in crisi.

Nella nostra visione, questa crisi diventa un prezioso stimolo alla crescita come esseri umani, superando gli ostacoli dell’unione possiamo ritrovare i valori necessari per passare ad un livello differente da quello propinatoci fino ad ora dalla dimensione patriarcale.

Si tratta di superare la matrice matriarcale del passato remoto e la matrice patriarcale di questo passato prossimo, per attivare una vera unione delle due dimensioni, in un presente dove è possibile scegliere di cogliere le opportunità per concretizzarla, creando uno spazio di auto-guarigione interiore.

Se il Nonsolowork blog, fosse la vostra lampada di Aladino, cosa chiedereste?

Alla lampada di Aladino si chiedono tre desideri no? Ebbene: 1) che il nostro messaggio possa arrivare molto, molto molto lontano. 2) che questo messaggio possa essere recepito nella sua interezza, senza distorsioni, in modo che il corso possa essere reso fruibile alle persone risonanti con questo tipo di energia 3) Che questo corso sia l’inizio di un discorso più articolato, ricco di attività e trasformazioni evolutive, per noi e per gli altri.

Per chi volesse approfondire di seguito  il flyer del corso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se volete informazioni la redazione è a disposizione. Scrivete al nonsolowork@gmail.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Leggi

Intervista a Luis Fusaro: l’Essere Umano Interabile

Nella vita succedono eventi che sembrano incredibili all’occhio umano, ma che in realtà hanno in sé un esperienza molto più ampia che porta a guardarsi interiormente per sviluppare la propria parte talentuosa. L’esempio di Luis è questo. Da un’avversità una crescita, nella crescita il poter donare la sua esperienza agli altri e la costruzione della  Interable Research Foundation.
Leggi