Proibiti in Francia i pesticidi che uccidono le api

Vietati i pesticidi che uccidono le api in Francia. Tutti gli Stati dovrebbero usare questa tutela nei confronti del Pianeta.
Finalmente buone notizie per evitare l’uso dei pesticidi arriva dalla Francia.

Da tanto tempo si parla del tremendo stato in cui si trovano le api , del loro alto tasso di mortalità e del peggioramento delle condizioni di salute causato dai pesticidi.

Le api sono da sempre fondamentali per la sopravvivenza della Terra in quanto impollinatrici, vi ricordiamo che i dati statistici dicono che il 40% degli invertebrati sta rischiando l’estinzione.

La Francia è il primo paese europeo che ha pensato bene di vietare tutti e cinque i pesticidi che prendono il nome di neonici,  mentre in Italia e in Europa ne sono ufficialmente vietati solo tre.

I nomi dei neonicotinoidi (spesso abbreviati in neonici) sono: acetamiprid, thiamethoxam, thiacloprid, imidacloprid e clothianidin.  Tali pesticidi sono stati creati allo scopo di attaccare il sistema nervoso centrale di tutti gli insetti, a prescindere che essi siano nocivi o meno per le piante. Nelle api, in particolare, causano perdita di memoria e riduzione della fertilità, un vero crimine al nostro Pianeta!

Negli anni ’90 quando questi pesticidi furono testati portarono alla morte di 400 mila colonie di api in un anno.

Tutti gli Stati dovrebbero seguire questa linea di tutela verso il Mondo che ci circonda, in questo senso Greenpeace si è mossa proponendo di aumentare i finanziamenti per la ricerca e l’applicazione di nuove tecnologie agricole ecologiche e per convincere il potere a bandire tutti gli insetticidi dannosi per gli insetti impollinatori.

Approfondimenti 

Se vuoi partecipare alla petizione di Greenpeace https://www.greenpeace.org/italy/attivati/salviamo-le-api/?gclid=EAIaIQobChMIroPQ0qyn5AIVx7TtCh3nTwByEAAYASAAEgKub_D_BwE

Greenpeace

Se vuoi leggere altri articoli sulla sostenibilità consigliamo https://nonsolowork.com/2019/06/17/inquinamento-dalla-plastica-partiamo-da-noi/

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like