15 Aprile ‘World Art Day’: ecco una pagliacciata

15 Aprile 'World Art Day': ecco una pagliacciata

15 Aprile ‘World Art Day’: ecco una pagliacciata. Il 15 Aprile è la giornata mondiale per l’arte, il “World Art Day“, instituita dall’Unesco. Scopriamo insieme di cosa si tratta e facciamoci due risate (alle volte ci vogliono anche quelle).

Come nasce il World Art Day, una storia… storia

L’arte alimenta la creatività, l’innovazione e la diversità culturale tra tutti i popoli del mondo e gioca un ruolo importante nel condividere conoscenza e incoraggiare dialogo e curiosità

E’ il 2019 quando l’Unesco scopre di avere una data nel calendario che non è occupata da una celebrazione. Il dilemma è grave: le minoranze e le ricorrenze storiche ormai stanno finendo e, pur nell’ossessione di crearne ulteriori, di entrambe le categorie, bisogna pur inventarsi qualcosa, altrimenti i blog come noi di cosa potrebbero scrivere?

Idea: qualcosa che a prescindere sia bello, positivo, che faccia fare bei disegni ai bambini e bella figura alle associazioni. “L’arte!” (“Genio!”, cit. Boris)

Contattano l’Associazione internazionale dell’arte (IAA). Per chi non la conoscesse si può subito rimediare. Non bisogna immaginare una organizzazione che promuova veramente artisti e arte, ma una ONG legata all’Unesco che veleggia nei sempre verdi temi della pace e delle minoranze. L’arte, nel loro programma, entra solo come mezzo di emancipazione dei popoli.

Mago di Oz

Ma tant’é. La IAA non si lascia certo scappare l’occasione di essere nel calendario, anzi, si era ben portata avanti coi tempi. Durante la 17a Assemblea Generale dell’Associazione, tenutasi a Guadalajara,si propone il 15 aprile come Giornata Mondiale dell’Arte, e già nel 2012 c’è la prima celebrazione. La data viene scelta perché è il compleanno di Leonardo Da Vinci. Vi partecipano subito Turchia, Messico, Francia, Cina, Cipro, insieme a molte altre nazioni… poi, a dire il vero non ci sono le nazioni a pertecipare, e nelle nazioni in questione neanche nessuno se ne accorge. Ci sono rappresentanti di ulteriori ONG o strutture parastatali che ci mettono la firma a essere presenti e far vedere che il loro stipendio è ben speso (e ora una piccola perla: la IAA si vanta che la prima edizione è stata sostenuta da 150 artisti nel mondo……….. 150 artisti…. nel mondo… se ne trovano di più a Cuggiasco sull’Oglio, se mai esiste un paese con questo nome).

Le edizioni della giornata mondiale dell’arte continuano negli anni, con feste per i rappresentanti e associazioni che ricevono fondi per… esserci. Finalmente arriva la chiamata e nel 2019 l’Unesco, a corto di idee calendariali, fa assurgere la giornata a festa mondiale.

15 Aprile ‘World Art Day’: ecco una pagliacciata

Non siete ancora sazi del mio tono sprezzante e sarcastico? Bene.

Gli organizzatori scelgono il compleanno di Leonardo da Vinci in quanto “simbolo della pace nel mondo, della libertà di espressione, della tolleranza, della fratellanza e del multiculturalismo, nonché dell’importanza dell’arte in altri campi“. Queste persone hanno mai aperto una biografia di Leonardo da Vinci? Colui che si presentava in primis come costruttore di macchine belliche, per inciso. Un comune uomo rinascimentale che capiva il ruolo del Signore e della Signoria, altero e sprezzante di carattere secondo i contemporanei. Colui che fu senza dubbio geniale, ma cosa diamine c’entra con quello che viene detto?!

Lasciamo poi perdere l’utilizzo forzato e protratto dell’arte come veicolo di messaggi sociali che, condivisibili o meno, la rendono uno strumento ideologico e delle ideologie, quindi non libero. Ma che bisogno c’è di fare una pagliacciata tale che neanche interessa a nessuno, tranne a me che oggi volevo infierire sul corrotto modo di gestione fondi di associazioni che perseguono il solo proprio buon nome nella società internazionale che conta.

Chiudo anticipando chi volesse rispondere dati alla mano. Se guardiamo il programma di queste ONG per l’arte è pieno zeppo di eventi, promozione dell’arte, belle cose e bella gente in giro per il mondo.

Andateci! Andate a vederle queste iniziative. Fate come ho fatto io più volte, qualcuna per caso, altre per diletto. Scoprirete sui vostri occhi la forza della comunicazione.

Condividi:
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Articoli Correlati
Poor Things (Povere Creature) è pornografia?

Poor Things (Povere Creature) è pornografia?

In molti paesi la pellicola è parzialmente censurata e alcuni parlano di "pornografia" gratuita. Sarà proprio così?
Street Art Australia

StraTour: Esplorazione delle meraviglie urbane e della Street Art in Australia 2°parte

L'articolo esplora il vibrante mondo della street art in Australia, evidenziando come il fenomeno sia diventato un punto focale culturale in diverse
street Art Australia

StraTour: Esplorazione delle meraviglie urbane e della Street Art in Australia

Questo movimento artistico, estremamente dinamico e variegato, si intreccia con la vita quotidiana, offrendo un'esperienza unica di scoperta e ammirazione in un
Fin Dac

Fin DAC: il poeta Visivo delle Metropoli, unendo arte urbana e fascino orientale

Quest'artista urbano ha lasciato il segno nelle strade di tutto il mondo, portando una prospettiva fresca e innovativa nell'arte contemporanea. Il suo
Torna in alto