Sapori in scena

Ricetta del casatiello

Immancabile in questi giorni è il casatiello. Questa ricca torta rustica, o meglio pane ripieno, affonda la sua storia nelle radici della antica cultura napoletana del Seicento e prende il nome dal cacio, formaggio salato utilizzato insieme ad altri ingredienti per realizzarne il suo ripieno.

Se siete napoletani, o appassionati della cucina di queste zone, avrete sicuramente sentito parlare anche del tortano: i due piatti sono molto simili nella preparazione e negli ingredienti, l’unica differenza è che mentre al casatiello viene data una forma a ciambella, con le uova usate come decorazione, il tortano, invece, contiene le uova all’interno insieme al resto degli ingredienti che compongono il ripieno.

Ogni mamma o nonna conosce questa ricetta e di solito dedica la sera del giorno precedente alla Pasqua alla realizzazione di questa ed altre mille specialità, ma anche i forni e le salumerie vendono casatielli e tortani a fetta o a kilo.


Ecco la ricetta del casatiello tradizionale:


Per la pasta:
1kg di farina
2 cubetti di lievito
100 g di strutto
sale q.b.
pepe in abbondanza

Per il ripieno:
400g di formaggi misti (formaggio romano, emmental e provolone o quelli che preferite) tagliati a cubetti
400g di salumi misti (salame, prosciutto, mortadella o quelli che preferite) tagliati a cubetti.

Per la decorazione:
5 uova sode

Procedimento:
1. Disponete la farina a fontana e ponete all’interno lo strutto, il lievito sciolto in acqua ed il sale, mescolate fino a formare un impasto morbido.

2.Una volta raggiunta la giusta morbidezza lasciate l’impasto in una terrina coperta a lievitare, fin quando il suo volume non sarà raddoppiato (occorreranno un paio d’ore).

3.Quando l’impasto sarà pronto staccatene una piccola parte che servirà alla fine per decorazione e stendete il resto dell’impasto cercando di non superare lo spessore di 1 cm.

4.A questo punto disponete tutti gli ingredienti del ripieno sulla pasta e arrotolate l’impasto. Disponetelo in un ruoto largo (unto con strutto) con buco centrale stando attenti ad unire bene le due estremità per ottenere una forma a ciambella.

5.Lasciate ancora lievitare per altre due ore, sempre coprendo l’impasto, dopo di che appoggiate le uova come preferite sulla superficie dell’impasto e decoratele appogiandovi sopra delle striscioline realizzate con l’impasto che precedentemente avevate conservato.


A questo punto il nostro casatiello è pronto per la cottura: infornate (a forno preriscaldato) a 180° per un’ora. Servite il casatiello tiepido e ricordate che potete conservarlo e consumarlo anche nei giorni successivi tenendolo coperto e in un luogo asciutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *