Intervista con...

OSPITALITA’ e  RISTORAZIONE  DI  QUALITA’…..Traguardo di determinazione e passione

Ascoltare la storia di Claudio Pasquarelli significa imbattersi, da subito, in tre qualità – creatività, caparbietà e cuore – che sono state determinanti, in passato, per orientarlo sulla “sua” strada e che hanno alimentato, nel tempo, la sua costante voglia di migliorarsi fino ad arrivare a dar forma al suo sogno: l’HOTEL RISTORANTE CLAUDIO a Bergeggi, un’attività imprenditoriale fatta di sapori, profumi e aromi della sua terra, la Liguria. ( www.hotelclaudiobergeggi.it)

Una realtà che nasce nel 1982 con l’aiuto dei suoi genitori, ma soprattutto di sua mamma.

Che peso ha avuto l’aiuto di tua madre nella realizzazione del tuo sogno?

 «Mia madre ha sempre avuto il merito di avermi aiutato nella mia gioventù, momento in cui chiunque può sbandare e scegliere strade facili. Dopo l’esperienza in Inghilterra, sarei partito per vedere e conoscere il mondo, col rischio magari di perdermi. Lei, in questa fase della mia vita, è stata decisiva.  Figlio unico, carattere forte… Lei mi ha aiutato a tenere la barra dritta, a credere nei valori e nella serietà della famiglia. La forza nel non arrendermi mai, la devo a Lei. Mi ha sempre spronato infondendomi coraggio e sostenendomi con parole importanti. Il suo “esserci” mi ha permesso di proseguire con caparbietà, per realizzare quello che oggi chiamo “il sogno della mia vita”.»

Claudio è pacato e deciso. Potrebbe non sembrare quel ragazzo che a 15 anni va a Londra per fare esperienza, dopo i primi anni della Scuola Alberghiera di Genova, pronto a mordere il freno, attratto da altri mondi. Ma il suo mare, quello di Vado Ligure dove è nato nel 1950, gli sarebbe mancato e lì, avrebbe fatto ritorno, sempre, ed è proprio a Vado che apre, insieme i genitori, la sua prima trattoria dove propone, con la mamma, tutti i piatti della tradizione.

Sarà per questo che in lui è rimasto il desiderio di condividere questa passione con i suoi figli Lara e Christian, proprio come fecero i suoi genitori con lui.

Quali sono le personalità dei tuoi figli ed i loro ruoli all’interno della vostra azienda ?

 «Quello che i miei genitori mi hanno trasmesso, ho cercato di farlo a mia volta con i miei figli. Siamo arrivati a Bergeggi nell’82, con l’inizio della costruzione. All’epoca Christian aveva 3 anni. Lara è nata nel 1984 a ristorante già aperto. Siamo decisamente cresciuti insieme. Loro hanno percorso questi 35 anni, impegnandosi, con tanta passione e grandi sacrifici, per raggiungere questo grande traguardo, il miracolo sopra il golfo di Bergeggi. Due ragazzi volitivi, entrambi di chiare vedute. Li ho visti rinunciare ai divertimenti che tutti gli adolescenti inseguono, diventare grandi e maturare velocemente. Ma tutto questo li ha anche arricchiti molto. È come se avessero messo mattone su mattone, con dedizione e forza nell’affrontare le battaglie quotidiane, imparando totalmente come gestire sia l’hotel che il ristorante. Direi che, come già da tempo e ancora di più oggi, sono pronti per portare avanti l’azienda, forse meglio di me.»  

L’emozione di Claudio nel parlare di loro è palpabile.

«Christian è maître, sommelier e supervisore di una grande cantina a vista, con le migliori etichette di vini liguri oltre ad altre prestigiose, italiane e francesi. Forse Christian ha preso da me il senso degli affari. Gli piacciono le lingue straniere e ha capacità manageriali innate che lo hanno portato, nel tempo, ad occuparsi dell’azienda a 360° oltre che delle direzione.»

«Lara invece, sin da piccola, si è messa ai fornelli con me. È partita dalla pasticceria ma oggi spazia in tutti i settori.  Si può dire che la parte che la appassiona di più, la cucina vera e propria, le ha permesso di ottenere grandi risultati. Poi c’è il suo lato femminile che la aiuta ad impreziosire la tavola con menù di grande armonia. Ha una cucina delicata, gustosa e mai banale. Sono davvero, sinceramente orgoglioso e fiero di loro.»

Che cosa avete progettato per il 2017 ? Le vostre novità….

 «Stiamo predisponendo alcuni angoli, per sorseggiare un aperitivo, con  vista a mare, che per l’occasione abbiamo voluto chiamare “Emozioni di Mare”: serviremo piccoli piatti di accompagnamento, in questi angoli ristoro, arredati con comode poltrone in legno che arriveranno dall’Indonesia.»

 

 

La ricerca costante di perfezione e di semplicità, si traduce in scelte che non sono mai casuali, come in questo caso. Il legno, per Claudio, è fondamentale per dare il senso del calore, dell’accoglienza. Quel calore che fa parte di lui e che lo ha accompagnato in tutta la sua vita.

Noi ci sentiamo attratte da questo angolo di Paradiso che offre vista mozzafiato e cucina di alto livello!

Se lo siete anche voi, scriveteci. La redazione vi risponderà con piacere.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

25 − 19 =